archivio feb.2006
 archivio mar.2006
 archivio apr.2006
 archivio mag.2006
 archivio giu.2006
 archivio lug.2006
 archivio ago.2006
 archivio set.2006
 archivio ott.2006
 archivio nov.2006
 archivio dic.2006
 archivio gen.2007
 archivio gen.2007
 archivio mar.2007
 archivio apr.2007
 archivio mag.2007
 archivio giu.2007
 archivio lug.2007
 archivio ago.2007
 archivio set.2007
 archivio ott.2007
 archivio nov.2007
 archivio dic.2007
 archivio gen.2008
 archivio feb.2008
 archivio mar.2008
 archivio apr.2008
 archivio mag.2008
 archivio giu.2008
 archivio lug.2008
 archivio ago.2008
 archivio set.2008
 archivio ott.2008
 archivio nov.2008
 archivio dic.2008
 archivio gen.2009
 archivio feb.2009
 archivio mar.2009
 archivio apr.2009
 archivio mag.2009
 archivio giu.2009
 archivio lug.2009
 archivio ago.2009
 archivio set.2009
 archivio ott.2009
 archivio nov.2009
 archivio dic.2009
 archivio gen.2010
 archivio feb.2010
 archivio mar.2010
 archivio apr.2010
 archivio giu.2010
 archivio lug.2010
 archivio ago.2010
 archivio set.2010
 archivio ott.2010
 archivio nov.2010
 archivio dic.2010
 archivio gen.2011
 archivio feb.2011
 archivio mar.2011
 archivio apr.2011
 archivio mag.2011
 archivio giu.2011
 archivio lug.2011
 archivio ott.2011
 archivio nov.2011
 archivio dic.2011
 archivio gen.2012
 archivio feb.2012
 archivio mar.2012
 archivio apr.2012
 archivio mag.2012
Al blog imitidicthulhu2, dedicato alla grafica tridimensionale.

imitidicthulhublog

CthulhuMythosblog

 SecondTGA for Second Life download page [discontinued support]  imitidicthulhu Home Page  r3nDer tools Home Page  imitidicthulhu YouTube channel  imitidicthulhu Flickr photostream  Standard size [ Iexplore only ]  Double size [ Iexplore only ]

20 ottobre 2008

Riforma Gelmini (la realtà dei fatti)
Ogni volta che si parla di riforma della pubblica istruzione entra in scena la solita e strumentale disinformazione.
Infatti, se a livello nazionale protestano nelle università e nelle scuole secondarie, nonostante che il provvedimento di riforma non li tocca per nulla perchè riguarda prevalentemente la scuola elementare e media...

(continua sul blog di Giovanni Ferrante)


Invio del post per Email



Commenti : 7
Blogger luisa ha scritto il
20/10/08 2:48 PM 
DISEGNO DI LEGGE Art. 1. 1. È convertito in legge il decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione e università. 2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.


«433. Al concorso per l'accesso alle scuole di specializzazione
mediche, di cui al decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, e
successive modificazioni, possono partecipare tutti i laureati in
medicina e chirurgia. I laureati di cui al primo periodo, che
superino il concorso ivi previsto, sono ammessi alle scuole di
specializzazione a condizione che conseguano l'abilitazione per
l'esercizio dell'attivita' professionale, ove non ancora posseduta,
entro la data di inizio delle attivita' didattiche di dette scuole
immediatamente successiva al concorso espletato.»

Art. 8. 1. Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.


Ora che questo sia giusto o sbagliato è un' altro paio di maniche, ma che si possa affermare il fatto che l' università non sia toccata....
e riguardo ai finanziamenti...
Beh, beh, calma...


Blogger jo ha scritto il
20/10/08 5:28 PM 
ma hai letto l'articolo per intero?
Lo dice ed è chiaro che la riforma tocca essenzialmente gli altri ordini di studio inferiori e le balle che vengono raccontate a questo proposito.
Del resto il vizio di raccontare balle sulle scuole viene dal lontano 1969, dove io ad architettura dovevo pagare le tasse per prendere lezioni di marxismo leninismo.
Ma grazie a dio nel mio caso non hanno attecchito.


Blogger luisa ha scritto il
20/10/08 5:41 PM 
Certo che ho letto tutto l' articolo e ti ho mandato gli articoli di legge apposta appositamente. Poi Jo, diciamola tutta come sta, i nuovi vivai arriveranno dalle medie ed elementari.
E se tocca un maestro unico testa di cazzo, bel vivaio avremo, ricordati che l' Italia non è solo Milano o Torino, la scuola è paese.Io li ho provati tutti e due i metodi, città e paesi. Poi sulle università e sui licei si può discutere fin che vuoi.


Blogger jo ha scritto il
20/10/08 6:11 PM 
Si ma non si può discutere sul maestro unico secondo le opinioni. Il maestro è una persona che ha superato un determinato concorso e quindi ha titolo.
Se tu avverti quel tipo di problema il nodo è lì, ed è in quella sede che va esaminato.
Non confondiamo gli effetti con le cause.
Inoltre poi ciascun maestro può passare per genio o per testa di cazzo, ma questo varia a seconda di chi lo giudica.


Blogger cinquetto ha scritto il
20/10/08 11:29 PM 
Secondo me è tutta una questione di tagli alle spese per poi arrivare a una privatizzazione "dolce" di servizi che dovrebbero essere pubblici!(pero questo è un'altro argomento)quello che vorrei segnalare è la crescita di consensi dell'attuale maggioranza..io per esempio i provvedimenti di Brunetta li appoggio in pieno e non essendo certamente un elettore di destra ne discuto altri..il fatto è che su certi argomenti i rappresentanti della sinistra hanno fatto come gli struzzi,di fatto tradendo il mandato degli elettori..hanno semplicemente evitato il problema..proprio quegli argomenti che non dovrebbero appartenere a nessuna logica politica ma ai quali andrebbe applicato solo un po di buon senso..l'immigrazione selvaggia,la sicurezza,la prostituzione,i fannulloni..insomma anche se alcuni provvedimenti sembrano solo dei pagliativi o nascondono ben altre mire,perlomeno vengono adottati,mentre Veltoni e accoliti continuano struzzare.L'ha capito persino Di Pietro che alla fine sta uscendo dall'alleanza,menomale,perche una vera alternativa ci voleva proprio altro che Veltrusconi!


Anonymous Anonimo ha scritto il
24/10/08 5:57 PM 
ad essere meno ottusi...
(mi si passerà il termine?) e a non limitarsi alle cronache governative dei TG...
non ci voleva molto per venire a sapere che le proteste universitarie appoggiano si quelle studentesce contro la legge 137 (siccome non li tocca non possono protestare? l'altruismo che impera... complimentoni) ma riguardano la legge 133 a firma Tremonti...

Visto che si danno i numeri ne ho dato un paio io...
peccato non si possano giocare al lotto...
ciao ciao


Blogger jo ha scritto il
24/10/08 7:38 PM 
Certissimo che possono protestare, ma a essere un po' più civili, mi si passi il termine, le proteste che coinvolgono con la forza tutti quanti, tipo picchetti e lucchetti, non sono proteste ma abusi, nonostante Berlusconi abbia dovuto far marcia indietro.
E questo è un segno di quanto poco conti la democrazia in questo paese.
Mi piacerebbe sapere il signor Di Pietro, ex magistrato, come giudicherebbe i blocchi delle università.
Ma se ne sta zitto.
Quindi protestate pure, abusate dove vi lasciano, ma non rompetemi i coglioni.
Te lo dice uno che ha pagato le tasse ad architettura per 5 anni anni senza mai ricevere gli insegnamenti previsti, ma lezioni di marxismo.


Clicca qui 
per vedere tutti i post più recenti

Gli archivi :