archivio feb.2006
 archivio mar.2006
 archivio apr.2006
 archivio mag.2006
 archivio giu.2006
 archivio lug.2006
 archivio ago.2006
 archivio set.2006
 archivio ott.2006
 archivio nov.2006
 archivio dic.2006
 archivio gen.2007
 archivio gen.2007
 archivio mar.2007
 archivio apr.2007
 archivio mag.2007
 archivio giu.2007
 archivio lug.2007
 archivio ago.2007
 archivio set.2007
 archivio ott.2007
 archivio nov.2007
 archivio dic.2007
 archivio gen.2008
 archivio feb.2008
 archivio mar.2008
 archivio apr.2008
 archivio mag.2008
 archivio giu.2008
 archivio lug.2008
 archivio ago.2008
 archivio set.2008
 archivio ott.2008
 archivio nov.2008
 archivio dic.2008
 archivio gen.2009
 archivio feb.2009
 archivio mar.2009
 archivio apr.2009
 archivio mag.2009
 archivio giu.2009
 archivio lug.2009
 archivio ago.2009
 archivio set.2009
 archivio ott.2009
 archivio nov.2009
 archivio dic.2009
 archivio gen.2010
 archivio feb.2010
 archivio mar.2010
 archivio apr.2010
 archivio giu.2010
 archivio lug.2010
 archivio ago.2010
 archivio set.2010
 archivio ott.2010
 archivio nov.2010
 archivio dic.2010
 archivio gen.2011
 archivio feb.2011
 archivio mar.2011
 archivio apr.2011
 archivio mag.2011
 archivio giu.2011
 archivio lug.2011
 archivio ott.2011
 archivio nov.2011
 archivio dic.2011
 archivio gen.2012
 archivio feb.2012
 archivio mar.2012
 archivio apr.2012
 archivio mag.2012
Al blog imitidicthulhu2, dedicato alla grafica tridimensionale.

imitidicthulhublog

CthulhuMythosblog

 SecondTGA for Second Life download page [discontinued support]  imitidicthulhu Home Page  r3nDer tools Home Page  imitidicthulhu YouTube channel  imitidicthulhu Flickr photostream  Standard size [ Iexplore only ]  Double size [ Iexplore only ]

6 luglio 2009

Piccola testimonianza

Questa sinistra isterica fermi la caccia al premier
6 luglio 2009 Il Giornale
scritto da Gianpaolo Pansa

A sinistra troppa gente sta diventando isterica? Comincio a pensarlo dopo una serie di indizi che, insieme, fanno una prova. Mercoledì 1° luglio Il Giornale ha pubblicato due lettere inviate al direttore, Mario Giordano. Erano firmate o siglate, venivano entrambe da Milano e raccontavano le disavventure di due lettori del suo quotidiano. Vediamo la prima. Il venerdì 26 giugno un signore sale sull’Eurostar Roma-Milano, si siede al posto assegnato e comincia a leggere Il Giornale. Passano pochi minuti e viene insolentito da un altro passeggero. Costui ringhia: «Odio quelli che leggono Il Giornale!». Dopo qualche altro minuto, l’odiatore esclama: «Non posso sopportare la vista dei fascisti!». E si alza, cambiando posto nella carrozza. Nessuno reagisce. Nessuno sembra aver sentito nulla.
La seconda è del 23 giugno. Milano, filobus della linea 90-91 nel tratto fra piazzale Lodi e piazza Tripoli, ore 13. Un passeggero è seduto e ha in mano Il Giornale. Ma anche per lui la lettura si rivela un’impresa. Una donna sui trent’anni gli dice: «Lei mi fa venire il voltastomaco. È privo di senso critico». Poi aggiunge, urlando: «Lei ragiona come il suo capo, il Berlusconi». Il lettore del Giornale le replica che ciascuno sceglie il quotidiano che crede. Ma la donna non si quieta. Le dà manforte un giovanotto sui trent’anni. Poi la coppia scende dal filobus gridando: «Sei un servo di Berlusconi. E fai davvero schifo!».
La risposta di Giordano è intelligente e pacata. Si limita a dire che a nessuno dei suoi lettori verrebbe in mente di insultare chi legge Repubblica. Poi rivela che gli stanno arrivando molte lettere dello stesso tenore. Infine conclude con una verità: «Il centrodestra è maggioranza nel Paese. Purtroppo però è una minoranza culturale». Risposta tranquilla e, dunque, buona. Confesso che al suo posto sarei stato ben più duro.
Il lettore aggredito sul filobus ricorda che negli anni Settanta, a Milano, acquistare Il Giornale, allora diretto da Indro Montanelli, poteva essere pericoloso: «Si rischiavano le bastonate. Di solito si comprava anche un altro quotidiano che serviva a nascondere il primo». Succedeva davvero così. In quel tempo lavoravo al Corriere della Sera. L’aria di Milano era orrenda. La sinistra menava e qualche volta sparava. Indro era ritenuto un fascista, come i suoi lettori. E infatti venne gambizzato dalle Brigate rosse.
[continua su il legno storto]

Figuriamoci il sottoscritto che frequentava Architettura al Politecnico di Milano. Il Giornale, ma non solo, anche il Corriere, bisognava nasconderli in borsa, per entrare in Università.
E si entrava solo dopo aver versato l'obolo agli scagnozzi di soccorso rosso, della signora franca rame, quattrini che servivano a sosteneva i brigatisti "in esilio all'estero". Oddio, ad essere sinceri, si era anche liberi di rifiutare, al momento non sarebbe successo niente, ma si entrava nelle liste speciali.
Io, come ora, non facevo politica attiva, ma non ho mai nascosto le mie idee, vicine all'edera.
Fu allora che presi un'abitudine che ancora non riesco a perdere. Scendere dalla macchina chiudendo a mano, con la chiave, e usare quel momento per buttare uno sguardo distratto su tutta la via.



Invio del post per Email



Commenti : 5
Blogger luisa ha scritto il
6/7/09 11:48 PM 
Suiccedeva la stessa cosa a chi comprava L'Unità, o a chi aveva in tasca la tessera P.C.
Le barricate son sempre esistite, tu per primo ne hai erta una con me, togliendomi dalla lista, mi spiace questo io non lo chiamo
"confronto".


Blogger jo ha scritto il
7/7/09 12:00 AM 
Non capisco come tu possa sostenere una cosa di questo genere. Probabilmente succedeva se lo facevi di fronte a una sede della destra estrema.
Invece quello qui descritto succedeva davanti a una struttura pubblica, lo puoi negare, ma si sa benissimo che risponde al vero.
Il link al tuo blog sono stato costretto a rimuoverlo perche il mio blog non serve a indirizzare a luoghi dove la battaglia politica si fa inneggiando alla morte.
Se vi augurate che Berlusconi crepi liberissimi ma lo fate da soli.


Blogger jo ha scritto il
7/7/09 12:10 AM 
Proprio oggi le università sono state occupate, sottraendole con la FORZA a TUTTI, anche a chi ha ragione di pensare che 21 elementi armati e mascherati che sfasciano tutto sono dei criminali.
VOLENTI O NOLENTI SONO TUTTI COSTRETTI AD ADERIRE.
Come lo chiami questo metodo?
Mi pare che abbiate un termine molto preciso per qualificarlo, se è portato avanti dagli altri, però.


Blogger luisa ha scritto il
7/7/09 12:11 AM 
Nel mio blog, non credo di avere mai augurato la morte di nessuno,anzi se lo leggi bene troverai questa scritta:

"...io non amo la violenza. La odio. Non mi piace nemmeno l'assassinio politico. Quando esso avviene in un paese dove esiste un libero Parlamento e ai cittadini è data la libertà di esprimersi, di opporsi, di pensare in maniera diversa, io lo condanno con disgusto e con ira"

Che ovviamentte non è mia, diciamo che è di una persona morta di cui ho letto moltissimo, e per semplificarti la cosa è stato L''UOMO della Fallaci, tutte e due persone da me molto ammirate.
Detto questo, tengo a precisarti che tutti e sottolineo TUTTI i commenti non saranno mai censurati da me.
per quanto riguarda L'unità,mi spiace per te, tu forse hai vissuto in modo diverso, ma io, caro mio, per il solo motivo di avere sul petto l' adesivo che ti davano alla festa dell' unità le ho prese, e tante, e avevo tredici anni mica 25. Con questo sappi che in ogni caso politica o non politica ti ammiro comunque come persona, e dalla mia lista non ti tolgo in funzione del mio pensiero.


Blogger jo ha scritto il
7/7/09 12:22 AM 
Io credo che ogni blog debba rappresentare le idee di chi lo crea, per prima cosa, altrimenti sarebbe un forum.
Anche io non ho i commenti moderati, ma non rinuncio a esprimermi, se qualcuno ha idee diverse.
Cosa che tu stessa hai fatto sempre sui miei commenti, come tuo diritto.
Tacere invece è rinunciare ad esprimersi.
Io non credo che un blog debba essere un modo per dare voce a tutti senza replica alcuna.
Troppo comodo entrare i un blog, scrivere due insolenze, un vaffa e sogghignare.
Tenere in piedi un blog è un'altra cosa, e certa gente dovrebbe impararlo.
A me non sta bene, e non è affare di democrazia o meno.
Lo preciso molto bene, tu hai ogni diritto di far esprimere chiunque e replicare o no. Però io non posso esserne tramite.


Clicca qui 
per vedere tutti i post più recenti

Gli archivi :