archivio feb.2006
 archivio mar.2006
 archivio apr.2006
 archivio mag.2006
 archivio giu.2006
 archivio lug.2006
 archivio ago.2006
 archivio set.2006
 archivio ott.2006
 archivio nov.2006
 archivio dic.2006
 archivio gen.2007
 archivio gen.2007
 archivio mar.2007
 archivio apr.2007
 archivio mag.2007
 archivio giu.2007
 archivio lug.2007
 archivio ago.2007
 archivio set.2007
 archivio ott.2007
 archivio nov.2007
 archivio dic.2007
 archivio gen.2008
 archivio feb.2008
 archivio mar.2008
 archivio apr.2008
 archivio mag.2008
 archivio giu.2008
 archivio lug.2008
 archivio ago.2008
 archivio set.2008
 archivio ott.2008
 archivio nov.2008
 archivio dic.2008
 archivio gen.2009
 archivio feb.2009
 archivio mar.2009
 archivio apr.2009
 archivio mag.2009
 archivio giu.2009
 archivio lug.2009
 archivio ago.2009
 archivio set.2009
 archivio ott.2009
 archivio nov.2009
 archivio dic.2009
 archivio gen.2010
 archivio feb.2010
 archivio mar.2010
 archivio apr.2010
 archivio giu.2010
 archivio lug.2010
 archivio ago.2010
 archivio set.2010
 archivio ott.2010
 archivio nov.2010
 archivio dic.2010
 archivio gen.2011
 archivio feb.2011
 archivio mar.2011
 archivio apr.2011
 archivio mag.2011
 archivio giu.2011
 archivio lug.2011
 archivio ott.2011
 archivio nov.2011
 archivio dic.2011
 archivio gen.2012
 archivio feb.2012
 archivio mar.2012
 archivio apr.2012
 archivio mag.2012
Al blog imitidicthulhu2, dedicato alla grafica tridimensionale.

imitidicthulhublog

CthulhuMythosblog

 SecondTGA for Second Life download page [discontinued support]  imitidicthulhu Home Page  r3nDer tools Home Page  imitidicthulhu YouTube channel  imitidicthulhu Flickr photostream  Standard size [ Iexplore only ]  Double size [ Iexplore only ]

20 luglio 2007

Chi ci scampa dai camp
C'era una volta le bbs.
Che forse in molti non sanno cosa furono, anche se parlo di neanche 3 lustri fa.
Tante mini-reti, per i primi cultori del nuovo giocattolo delle meraviglie, il modem.
Tante piccole realtà pre-internettiane (oddio internet esisteva già, ma era una cosa seria, allora, con soli contenuti e scopi scientifici).

Poi le bbs crebbero, e scoprirono di non voler essere più sole, a raccogliere le cerchia di appassionati notturni che si messaggiavano nel cuor della notte inventando la chat.
Confluirono tra loro e finirono per ingrossare quello che sarebbe diventato il grande, meraviglioso web dei nostri giorni.
Ma la gente cercava sempre altra gente a cui bussare dagli screen (che intanto erano diventati in truecolor e webcamizzati) e si buttava sulle chat delle major, che accortamente avevano capito l'incoming business.
Incontri sul web, che si chiamava virtuale, e incontri nella vita.
- Nel reale lo conosco -, si diceva.

Cene, uscite, amorazzi finti, amorazzi veri, piccole amicizie stagionali e amicizie destinate a diventare grandi.
Poi il vento cambiò, la chat fu presa a bacchettate tra vari fuochi.
Più la chat veniva resa noiosa e pesante dalla pubblicità, che la finanziava, e più di pubblicità veniva invasa.
Msn chiuse le stanze di chat, dicono per tutelare i bimbi dalla pedofilia.
Può darsi, in ogni caso presero la palla al balzo per togliere un servizio reale ed inventarne altri di nuovi. Tanto più complicati tanto più utili solo a sè stessi.

Yahoo la seguì, ma in modo più furbesco.
Non tolse le chat room, ma rese arduo accederci.

Le truppe dell'incontro nottambulo al pc si dimezzavano a vista d'occhio.
Chattare era diventato complesso e noioso. La novità era esaurita.
Ognuno aveva ricevuto la sua dose di delusioni e non ne poteva più.
Chi no, si era comunque annoiato e alzato dal pc e avevo preso strade diverse.

Qualcosa di nuovo si profilava nel virtuale. Che poi, chissà perchè virtuale, quando da sempre era servito a sviluppare i desideri quanto mai reali di superare il proprio isolamento accendendo un pc.
Nascevano i blog. La pura essenza del raccontarsi, scegliendo, a differenza della chat, il momento più comodo rispetto alle altre esigenze di svago e lavoro.

Ora, secondo me, siamo a un punto critico anche sui blog.
C'è chi fa l'opinionista, ma comincia a rendersi conto che forse, farlo da hobbista, può essere frustrante.
C'è chi scrive il diario, dei suoi amici, dei suoi compleanni, del fratello che lo assilla, della compagna di liceo che non lo degna.

Poi ci sono i super-diaristi, loro il diario lo scrivono col copy and paste dai siti appositi, che gli mettono a disposizione le poesie di Coelho, gli scritti del Che e i tramonti e le lune.
Poi i super-super-blogger. Quelli decidono che parlano del blog, e di tutto quello che ruota intorno al pc. Complicato? Niente paura, esiste la citazione. Fatto un post ne nascono altri 1000 copiati dagli altri utenti, sulle altre piattaforme.
Magari solo per dirci che la chiavetta USB esiste anche gialla, o per raccontarci che da remoto qualcuno può, se si mette su una gamba sola e scrivendo col naso, cancellarci tutto il contenuto del pc.
Così la gente comune crede che remoto significhi possibilità remota, e mi sa, che, involontariamente, ci ha proprio preso.




Invio del post per Email



Commenti : 5
Anonymous Anonimo ha scritto il
21/7/07 8:40 AM 
Leggo da Republica.it.....->

>-Negli anni '80 i primi chatter italiani scoprono le Bbs,
dove perdono la testa, le nottate e a volte il cuore......I modem erano lentissimi: 300 o 1200 bps nel migliore dei casi. Camminavano così piano che vedevi le parole comporsi sullo schermo via via che gli altri digitavano la frase.

E si diceva , "fare un chat". o il chat.
Maschile! Ma quando prese il sopravvento il temine "La chat" al femminile?
:)

Buona giornata Jo....Kisssss
@l

O:-)


Blogger Pincopalla23 ha scritto il
21/7/07 9:59 AM 
B E L L I S S I M O P O S T ! ! !
...e il tutto raccontato in estrema sintesi senza che lo spirito critico perdesse

un solo passaggio. Pare facile...

Nel cammino così ben ripercorso, però Jo si è dimenticato di ricordare i più

importanti dualismi che hanno caratterizzato e condizionato la

"Social/Chat/Blog/WEB Story" .

Rimedio subito io :

1) Bill Gates VS Steve Jobs

2) Windows VS Linux

3) Chet Simpson VS Soldatino

:D :D :D

Buon W.E. Jo ;)


Blogger jo ha scritto il
21/7/07 10:04 AM 
Chissà. Ecco il mio primo vero pc, il ppc640 Amstrad con modem integrato. Usando i due drive per i minifloppy e parte della memoria RAM da 640Kb riuscivo a farci girare persino AutoCAD!
[[img src="http://www.imitidicthulhu.it/Blog/AmstradPPC640.gif"]]
In realtà le porte dell'informatica mi erano già state aperte dal Basic di un vecchio pc olivetti M20, che però non era mio, ed era stato installato sperimentalmente in studio.
Intando da camera sua, mio figlio, che aveva 10 anni o poco più, metteva assieme la sua prima bbs.
Era l'inizio degli anni '90.

la foto è dal sito www.old-computers.com :
The differences between the PPC-512 and PPC-640 were a different colour case, a built-in modem (v21, v22, v22 bis and v23 protocols) and 640 KB RAM for the PPC-640. Both versions could run with 10 C size batteries (1 hour battery life), or with an external AC adaptor.


Grazie @lba, buona giornata. Buon week a tutti, e soprattutto buon lavoro a chi oggi ancora stà tirando gli ultimi coi denti .... :))


Blogger jo ha scritto il
21/7/07 10:08 AM 
E buon week end anche a Pinkyyyyyyy,
che scriveva in contemporanea a me!!!!
Grazie Pinky, son contentissimo che il post ti sia piaciuto. Solo una cosa... ma scusa... ma Chet Simpson, ma chi è?
=))
ciauzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz


Anonymous @lba ha scritto il
21/7/07 12:36 PM 
B E L L I S S I M O P O S T ! ! !

Siiiiiiiiiiiii Pinky , molto bello! Un >:D< e .... Buon week anche a voi , carissimi amici!!

Pinky poi mando tutto della Valtellina , ogni promessa per me e' sempre valida.
OK? :)

Auguro a tutti un felice fine settimana!!!
Bacio Jo :-*

Ciau :P


Clicca qui 
per vedere tutti i post più recenti

Gli archivi :